Progetto: “Ridere e sorridere“

Progetto: “Ridere e sorridere“ –  Il carnevale al tempo di Covid 19, con mascherine variopinte, coriandoli colorati, vento che gioca con i capelli imbrattati di schiuma e stelle filanti, nel rispetto  della biosicureza ambientale 

 

Proverbio: “Un cuore allegro è una buona medicina, ma uno spirito abbattuto inaridisce le ossa”.

Introduzione del concetto di salute e umanizzazione nel contesto di cura nelle RSA; umorismo come strumento di promozione del benessere e della qualità della vita; Essere malati rappresenta un’esperienza in grado di produrre un cambiamento totale nel soggetto.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la malattia rappresenta un’anormalità morfologica, funzionale e psichica che pone sofferenza all’individuo. Recenti ricerche hanno dimostrato che le persone anziane che fanno uso di umorismo per fronteggiare gli eventi della vita tendono ad avere una migliore vecchiaia, a vivere a lungo e a essere più soddisfatte della loro salute fisica. Nelle RSA, la pratica ci ha insegnato, che senza gli stimoli esterni, la possibilità di sperimentare momenti di divertimento e di umorismo può risultare difficile per i pazienti.

I professionisti del Presidio, hanno scelto uno di noi che potrebbe svolgere il ruolo di clown in un ambiente che i degenti chiamano “casa” e che spesso rappresenta la loro ultima abitazione.

Le tecniche maggiormente utilizzate riguardano il raccontare storie e l’utilizzo di magia e musica, in modo da favorire la stimolazione della memoria e le funzioni cognitive (vedi le foto).

Strategie utilizzate dai clown comprendono numerosi approcci che vanno dal fare domande ai pazienti, stimolando le risposte per coinvolgergli in una conversazione, al chiedere loro di raccontare una storia basandosi su aneddoti o input proposti ad hoc (ad. es. mostrare una foto).

Ottimismo, gioia e speranza, che evidenziano come con l’anziano un approccio giocoso, improvvisato e spontaneo, possa avere effetti benefici sulla sua vita, sulla sua famiglia e sul personale delle strutture. La gioia è emozione fragilissima e impalpabile, vive del presente, non del passato e nemmeno del futuro, ed è radicalmente diversa della felicità…

La creatività in ogni sua forma può essere concepita come abilità cognitiva che coinvolge

variegate regioni del cervello; “la terapia del sorriso» rappresenta un beneficio notevole a livello della respirazione, ossigenazione, circolazione, nonché la riduzione dello stress e degli stati ansiogeni.

I dipendenti della RSA Santa Rufina e Rsa Città di Rieti

Per vivere un momento con i “vostri cari “cliccare qui.

Clicca qui

 

2021-03-29T11:05:37+02:0017 Marzo 2021|

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online e per attivare tutte le funzionalità del sito. Cliccando su "Accetto" aderisci alla la nostra politica sui cookie.

Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookie. Abilita o disabilita i cookie del sito dal pannello sottostante. Alcuni cookie non possono essere disabilitati perchè necessari al funzionamento del sito stesso.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per il corretto funzionamento del sito è necessario salvare questi cookie sul browser.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • SERVERID68971
  • fusionredux_current_tab
  • redux_current_tab

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi